DUIT | Pionieri nella scuola
197
post-template-default,single,single-post,postid-197,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
Una scuola più accessibile e inclusiva

18 Dic Pionieri nella scuola

Raffaella è un insegnante di sostegno specializzata che sceglie, con l’appoggio del dirigente scolastico e delle referenti della disabilità della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di un Istituto Comprensivo a Firenze, di intraprendere con noi un percorso di progettazione partecipata per una scuola che sia maggiormente accessibile e inclusiva. Nella nostra nuova società digitale c’è sempre più il rischio che il bambino perda il contatto con la sensorialità primaria che è alla base della percezione del contesto, del movimento, della conoscenza e più in generale dello sviluppo cognitivo. Realizzare pertanto uno spazio multisensoriale che riporti il bambino a scoprire ed esplorare la realtà con i cinque sensi, svilupperà quel tipo di apprendimento cognitivo volto all’interazione, al rilassamento, all’acquisizione di sicurezza e fiducia in se stessi al fine di migliorare la qualità dell’apprendimento a scuola. In casi di disabilità come autismo, ritardo globale e pervasivo dello sviluppo, sindrome di Angelman, sindrome di Williams, o iperattività (ADHD), può inoltre essere un canale alternativo di comunicazione e uno spazio dove ritrovare il dialogo anzitutto con se stessi, per poi mediarne il confronto con gli altri, auspicando all’integrazione e all’inclusività: filoni essenziali della vita scolastica e del benessere psico-sociale del bambino.