DUIT | HUG ARMCHAIR
Un'evoluzione della “hug machine” di Temple Grandin che si fonda sulla necessità di avere un'esperienza sensoriale attraverso il contatto fisico ed emotivo di contenimento e sicurezza. Riproduce uno stretto abbraccio che avvolge. Ideale per combattere anche situazioni di stress, per ridurre l'ansia, la depressione, il senso di abbandono e di estraneità.
DESIGN PERSONALIZZATO, POLTRONA SENSORIALE, RIDUZIONE DI STRESS E ANSIA, RILASSAMENTO, TERAPIA DELL’ABBRACCIO, RASSICURANTE, ABBANDONO, DEPRESSIONE, CONTENIMENTO, SICUREZZA, TEMPLE GRANDIN, SENSORIALE, AUTISMO, PROTOTIPO, HUG, ARMCHAIR, AVVOLGENTE, CONTATTO, ARCHITETTURA, PROGETTAZIONE, PSICOTERAPIA, INNOVAZIONE, TECNOLOGIA, DISABILITA' , DUITFOR
184
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-184,ajax_updown_fade,page_not_loaded,, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

HUG armchair

Un abbraccio personalizzato

Category
Ambienti di lavoro, Associazioni e Onlus, Privati, Prodotti, RSA
Tags
design personalizzato, poltrona sensoriale, riduzione di stress e ansia, rilassamento, terapia dell’abbraccio
About This Project

Un’evoluzione della “hug machine” di Temple Grandin che si fonda sulla necessità di avere un’esperienza sensoriale attraverso il contatto fisico ed emotivo di contenimento e sicurezza. E’ pensata per utenti con disturbi sensoriali o con difficoltà relazionali e comunicative. Il primo prototipo nasce per utenti autistici, ma può essere utilizzata anche con altre finalità terapeutiche, come fonte di benessere. Riproduce uno stretto abbraccio che avvolge, dando la possibilità di scegliere liberamente, attraverso un sistema d’interazione elettronico, la forza della morsa affettiva ed emotiva, la durata del contatto e della pressione. Un oggetto terapeutico che induce al rilassamento, lasciandosi andare tra braccia contenitive e rassicuranti. Ideale per combattere anche situazioni di stress, per ridurre l’ansia, la depressione, il senso di abbandono e di estraneità.